San Giuliano MilaneseToday

Era ai domiciliari: sorpreso durante una rapina a mano armata e arrestato

L'uomo - insieme ad un complice fuggito col bottino - aveva appena rapinato un phone center nell'hinterland di Milano

Il coltello in mano al rapinatore

Doveva essere a casa, agli arresti domiciliari, e invece era in giro a compiere una rapina. I carabinieri del radiomobile di San Donato lo hanno arrestato in flagranza.

Tutto inizia nella serata del 28 dicembre. I militari accorrono in via Verdi a San Giuliano Milanese, presso un phone center, su segnalazione di alcuni passanti: è in corso una rapina a mano armata. Per l'esattezza l'uomo poi arrestato aveva fatto irruzione nel negozio insieme ad un complice: entrambi avevano il volto coperto da un passamontagna e lui agitava un coltello a serramanico. 

I rapinatori avevano ottenuto tremila euro dal titolare del phone center: immediatamente dopo, il complice (col bottino) fuggiva indisturbato mentre l'arrestato non riusciva a fare altrettanto per via di un cliente che stava entrando in quel mentre nel negozio e che gli ha di fatto bloccato la via di fuga.

I carabinieri hanno quindi potuto bloccarlo senza problemi. Si tratta di un italiano di 50 anni: dal successivo accertamento è emerso che avrebbe dovuto trovarsi ai domiciliari, pertanto risponde di rapina aggravata ma anche di evasione. E' stato portato nel carcere di Lodi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Puzza a Milano, odore fortissimo invade la città: boom di segnalazioni. La spiegazione

  • Il pusher gli vende la carta: lui lo scaraventa nel vuoto per ammazzarlo, tradito dal video

  • Milano, bimbo di 5 anni precipita a scuola: soccorritori e prof con le lacrime agli occhi

  • Sciopero generale a Milano, rischio caos per i mezzi: stop di 24 ore a metro, bus Atm e treni

  • Milano, dramma a scuola: bimbo di cinque anni precipita nel vuoto dalle scale, è gravissimo

  • Milano, incidente tra un bus e un'auto in via Giordani: una donna in coma e due bimbi feriti

Torna su
MilanoToday è in caricamento